Argomenti
Date e Scadenze
Scadenza Invio Memorie

La scadenza per l'invio delle Memorie è fissata al 1 luglio 2014


Collaborazione con International Seminar MURICO

MECHANICS OF MASONRY STRUCTURES

strengthened with composite materials

Modeling, testing, design, control


AIAS 2014 Programma dei Lavori

Il programma dei lavori e disponibile nella sezione >Programma della homepage del Convegno


AVVISO DI SCADENZA DELL ISCRIZIONI CON HOTEL INCLUSO

Si ricorda che nelle iscrizioni effettuate al sito: http://www.centrocongressisgr.it/aias2014 

entro il 5 giugno 2014 è compresa la sistemazione alberghiera in hotel 4* per i soci Seniores ed in hotel 3* o 3*S per gli Juniores.


Invio Sommari

Il termine per l'invio dei sommari è scaduto, chi desiderasse proporre nuovi sommari è pregato di contattare l'organizzazione.


Relazioni su invito

Martedì 9 settembre 2014

Relazione introduttiva di Alessandro Freddi

MAESTRI E AMICI.

Alcune idee sull’Analisi sperimentale delle tensioni 

Sommario

La vita universitaria è una vita di comunità. Il laboratorio in particolare, richiede la collaborazione di diversi soggetti, di colleghi che partecipano, di tecnici, di studenti che svolgono le tesi, di dottorandi.Le idee si formano e si sviluppano tra la scienza del fare e la scienza del riflettere, tra esperimenti fisici e esperimenti pensati.La ricerca sperimentale avvicina ai problemi del mondo dell’ingegneria che evolve con dinamiche di “tentativi e errori”.Esiste tuttavia un rischio: interpretare la ricerca come puro fenomeno empirico, trascurare la teoria, considerandola alternativa all’esperimento, non coltivare la modellazione matematica e la curiosità sullo sviluppo dei risultati analitici.L’esposizione presenterà, mediante esempi emblematici, l’evoluzione del pensiero sui punti citati di una comunità ristretta ma coesa che si è mossa proprio su un percorso condiviso, ignoto all’inizio, che potrebbe essere sintetizzato con le seguenti espressioni:dai problemi diretti ai problemi inversi, dai metodi di analisi alle applicazioni,dall’empirismo alla scienza tecnica.Il laboratorio è una forma di educazione alla conoscenza e alla vita.Chi non ha dedicato una parte significativa della sua attività al laboratorio non sa cosa ha perso.

Alessandro Freddi ha insegnato a Bologna, come Professore Ordinario, Analisi sperimentale delle tensioni e Principi e Metodologie della progettazione meccanica. E’ Prof. Onorario dell’Università di Breslavia, Membro onorario della Associazione internazionale Danubia-Adria, Accademico Benedettino dell’Accademia delle Scienze di Bologna,Life Memberdel CollegeClare Hallall’Università di Cambridge. Ha promosso ricerche per dimensionare recipienti a pressione, contenere la fatica dei materiali e prolungare la vita dei sistemi tecnici, con ampia attività di consulenza industriale. Ha sviluppato il Laboratorio di prove su materiali, componenti e strutture del Dipartimento,  anche con il progetto e la costruzione di grandi attrezzature di prova. E’ stato Direttore dell’Istituto di Progetti di Macchine e Costruzioni aeronautiche, Direttore dell’Istituto di Studi Avanzati dell’Università di Bologna e uno dei fondatori e successivamente Presidente AIAS. Ha ricevuto un premio EURASEM nell’anno 2007. Come Presidente del Comitato IMEKO TC15 è stato fondatore dell’Associazione internazionale YSESM per la diffusione della Meccanica Sperimentale tra i giovani ricercatori.

freddi

Mercoledì 10 Settembre 2014

Relazione di Diran Apelian

HOLISTIC DESIGN IN MATERIALS ENGINEERING: A New Paradigm

Abstract

Much of Materials Engineering has focused on performance metrics; accordingly, processing-structure-properties interactions and the evolution of microstructure have dominated our attention when it comes to manufacture material components.  However, sustainable development for the 21st century requires a different approach: a new paradigm that attends to materials recovery and reuse.  The Life cycle analysis approach has been just one step towards such a path.  In this keynote address, a new paradigm will be offered to design components in order to better manage our material resources.  Manufacturing for disassembly, design for repair, and recovery and reuse need to be thought of and addressed a priori and should not be an after thought.  Case studies and examples will be used in the presentation to articulate the thesis for a holistic design approach

Apelian

Diran Apelian is Alcoa-Howmet Professor of Engineering and Director of theMetal Processing Instituteat Worcester Polytechnic Institute (WPI). MPIis an industry-University alliance dedicated to materials processing with over 90 corporate partners. He joined WPI in 1990 as the Institute’s provost.  He is credited with pioneering work in various areas of materials and metals processing.  During the last decade, he has worked on sustainable development issues, and particularly, resource recovery and recycling. Apelian is the recipient of many distinguished honors and awards; he has over 600 publications to his credit, and serves on several technical and corporate boards. During 2008/2009 he served as President of TMS. Prof. Apelian is a Fellow of TMS, ASM, and APMI; he is a member of the National Academy of Engineering (NAE), and the Armenian Academy of Sciences.

Giovedi 11 Settembre 2014

Relazione di Serge Abrate

COMPOSITE MARINE PROPELLERS

Abstract

Traditional marine propellers made out of nickel aluminum bronze (NAB) corrode in sea water, set up galvanic action, and are difficult to manufacture.  With composite materials significant weight savings can be achieved, manufacturing costs are lower and substantial weight savings are achieved.  Self-adaptive composite blades are designed to use the bending-twisting coupling provided by the layup of orthotropic composite plies to minimize twisting and improve efficiency over a range of operating conditions.

Propellers operate underwater, under significant stresses, often under extreme low temperature, and will be subjected to many loading cycles.  Estimating the durability of composite propellers under these loading conditions is a challenge that has yet to be addressed.  Propellers also operate in environments where they are subjected to impacts from suspended grit, debris, animals, or ice.  Blade surface cavitation can be expected above 25 knots and severe blade cavitation at 32–35 knots can lead to severe erosion.  The general design of self-adaptive composite blades will be discussed along with three significant challenges: durability, foreign object impacts, and cavitation erosion.

Serge Abrate (Ph.D. Purdue University) is Professor of Mechanical Engineering at Southern Illinois University, Carbondale, Illinois.  He is the author of a book entitled Impact on Composite Structures (Cambridge University Press, 1998) and editor of two other books dealingwith composite materials and the effect of impacts, blasts and other dynamic events.  He serves on the editorial boards of Composite Structures and the Int. J. of Mechanical Sciences and his work has been cited over 3500 times.  In recent years his research dealt marine structures and problems related to impact, underwater explosions, hull slamming, and composite propellers.